Eros e le stelle ...

 

* Astro cartomanzia

* Lettura dei Tarocchi Marsigliesi

* Tema Natale

* Rivoluzione Solare

Servizio disponibile per consulenza:

 

Personale ed Eventi:

* Eventi a tema

* Eventi di piazza

* Matrimoni

* Addio celibato / nubilato

Cenni storici sui Tarocchi Marsigliesi

Le carte dei Tarocchi che prendono il nome dalla città di Marsiglia (nel sud della Francia) sono le più conosciute al mondo: rappresentano lo stile più popolare e antico tra le molte varietà di mazzi che si diffusero a partire dal XV secolo, al punto da essere considerato la versione principale del mazzo dei Tarocchi.


I Tarocchi di Marsiglia ebbero una enorme diffusione nel XVII secolo grazie ai tipografi. Tuttavia, se in origine i disegni del Tarocco erano disegnati a mano, il metodo di colorazione con lo stampo, proprio delle tipografie, non permetteva una grande precisione e soprattutto imponeva l’utilizzo di un numero limitato di colori. Era un gioco fabbricato per un re, ovviamente, era più ricco di colori di un gioco fabbricato per il volgo.

 

A seconda dei tipografi,al tempo, i tratti erano riprodotti più o meno fedelmente. Tuttavia, numerose copie del mazzo di Marsiglia che furono stampate da diversi tipografi e anche in epoche diverse presentano molte similitudini che fanno pensare all’esistenza di un Tarocco più antico usato come modello originario.

 

Il Tarocco di Marsiglia risulta essere profondamente ancorato alla tradizione: sia i 22 arcani che le 56 carte dei semi conservano nel corso del tempo, e indipendentemente dalla provenienza geografica, particolari che si ripetono, come ad esempio il cavaliere di Denari, che a dispetto del suo seme, tiene in mano un bastone oppure il nome del fante di Denari, l’unico ad essere scritto in verticale invece che in orizzontale.


Ai giorni nostri, a parte la riedizione di mazzi più antichi, il Tarocco di Marsiglia viene riprodotto basandosi su mazzi del XVIII secolo, tuttavia, il tarocco nello stile di Marsiglia non avrebbe avuto una così grande diffusione fino ai giorni nostri se non fosse mai stato usato per la cartomanzia, pratica diffusa a partire dal XVIII secolo.

 

Il nome “Tarocco di Marsiglia” risale, però, al XX secolo quando il produttore francese Grimaud chiamò così la riedizione di un mazzo di tarocchi tradizionali stampato dalla sua ditta, situata a Marsiglia. Marsiglia è la città dove, soprattutto nel XVIII secolo, si svilupparono numerose tipografie specializzate nella produzione di Tarocchi, alcune delle quali sopravvivono ancora, tra le quali "Camoin".

Questo spiega perché fu scelto il nome “Tarocco di Marsiglia”, mentre in precedenza ci si riferiva ad esso come “tarocco italiano”, questo stile ebbe probabilmente origine in Italia settentrionale verso il XVI secolo, quale risultato dell'opera di un ignoto artista lombardo. Un’antica stampa litografica, il cosiddetto "foglio Cary", risalente ai primi del ‘500, raffigura rappresentazioni degli Arcani con uno stile simile a quello dei Tarocchi di Marsiglia.